A cura del Dott. Ing. Francesco Zanini, Ph.D. “I nostri prodotti devono essere semplici, definiti da linee eleganti ma anche raffinate e controllati da una tecnologia superiore”

Queste sono le linee guida della concezione che sta alla base dei prodotti Madeinled sviluppati con tecnologia Novaprecisio. Ora il circuito da kart indoor più grande d’Europa, alcune zone della città di Milano Marittima e molte altre location godono dei privilegi unici di qualità che questi prodotti sono in grado di donare. La produzione è realizzata interamente in Italia nell’area dell’automotive di lusso Modenese. Le lavorazioni meccaniche sono effettuate a freddo in modo tale da preservare le caratteristiche dei materiali utilizzati e l’assemblaggio è effettuato a mano con la massima accuratezza e precisione. I prodotti sono poi collaudati uno ad uno, imballati con cura e trasportati personalmente dai nostri installatori.

NASCE UNA NUOVA CONCEZIONE DELL’ILLUMINAZIONE

“Non conta la potenza luminosa emessa ma quella ricevuta dalla nostra retina”. Questo è il concetto cardine dei prodotti Madeinled. La curva fotometrica prodotta infatti è tale da far si di avere il massimo della luce diretta verso l’ambiente da illuminare ed il minimo verso l’occhio. In questo modo la pupilla dell’occhio rimane aperta e cattura più luce rispetto ai sistemi di illuminazione tradizionali. In anni di ricerca si sono infatti studiati i modi nei quali le ombre vengono prodotte sugli oggetti illuminati e come queste influenzano la qualità dell’immagine percepita dall’osservatore. I punti luce sono stati elaborati in modo tale da minimizzare le increspature degli oggetti illuminati non solo per migliorarne l’aspetto ma anche evidenziando in modo accurato le caratteristiche.

UNA TECNOLOGIA SUPERIORE ORIENTATA AL SOLARE

Il problema dell’illuminazione solare è che in Europa durante l’inverno il sole si presenta raramente mente ed i sistemi solari attuali necessitano di pannelli solari molto grandi per far fronte alla scarsità di energia solare. La straordinaria rivoluzione nel settore è l’introduzione del nuovo sistema Novaprecisio METEO+. Questo sistema consente di poter garantire l’illuminazione del giardino anche dopo settimane di mancata o ridotta insolazione. Il sistema funziona attraverso la regolazione automatica della corrente assorbita dai punti luce ottimizzando cos. la potenza luminosa emessa. Il sistema effettua calcoli e previsioni statistiche al fine di poter predire le condizioni meteo e di gestire al meglio non solo l’assorbimento di corrente attuale ma anche quello futuro. La fusione del sistema che inietta gli elettroni nella giunzione a semiconduttore del LED in modo estremamente controllato (NOVAPRECISIO-LED FREDDO TECHNOLOGY) con il sistema di estrazione della carica dalla batteria in modo intelligente (NOVAPRECISIO METEO+ TECHNOLOGY) ha reso possibile garantire l’illuminazione solare anche nelle nebbiose pianure dell’Italia settentrionale durante la stagione invernale.

UN SISTEMA FLESSIBILE CHE RENDE FACILI, SICURE E VELOCI LE INSTALLAZIONI

La tecnologia ha reso l’installazione estremamente flessibile e semplice. Nell’impianto non è richiesto nessun settaggio o operazione di configurazione. Tutto è automatico. Il sistema ha un’intelligenza che gli permette di auto-configurarsi da solo. Se un punto luce viene aggiunto o tolto, il sistema lo riconosce e nessuna modifica è necessaria all’impianto esistente. In aggiunta, ogni nuova tecnologia sviluppata è sempre retrocompatibile con quelle precedenti. Questo offre la possibilità di valorizzare gli impianti esistenti con ogni futura innovazione proposta. I punti luce infatti hanno la capacità di comunicare tra di loro attraverso gli stessi cavi dell’alimentazione. Il software Novaprecisio presente in ogni punto luce, mappa in modo automatico e dinamico la struttura della rete elettrica dalla sorgente ad ogni terminazione. La corrente presente in rete viene poi assorbita da ogni punto luce in modo differenziato al fine di compensare tutte le non-idealità della rete elettrica come per esempio cadute di tensione, livello basso di carica nella batteria o perdite lungo la linea. Il risultato è una illuminazione di qualità dove la luminosità è definita in modo digitale, preciso ed univoco dall’utente.

Italian Lighting © Settembre 2014